Environment

now browsing by category

 

Croazia Last Minute: 19-26 luglio 2015

Crociera in Croazia Last Minute, dal 19 al 26 luglio 2015. Fantastica offerta per gli ultimi quattro posti in due cabine doppie sul Cyclades 50.4 a soli 650 euro pp, equipaggio incluso!

Partenza da Pescara il 19 luglio pomeriggio alle 17. Rotta verso Vis e Spalato. Abbiamo quindi in programma di navigare a Nord-Ovest dirigendo la prua verso  Primosten, per raggiungere le fantastiche cascate del Krka, risalendo il fiordo di Sebenico, dove ci aspettano una baia da sogno e un’escursione il giorno dopo per visitare queste meravigliose cascate.

Si riparte per una discesa del pittoresco fiordo alla volta delle Incoronate dove scorazzeremo tra la bellissime isole dell’omonimo Parco Nazionale. Ultima tappa a Sali e partenza il 25 sera per il rientro a Pescara il 26 luglio entro l’ora di pranzo.

In base al meteo locale, il programma può subire variazioni; verso altre fantastiche mete, naturalmente!

Contattaci per info e prenotazioni al numero +39 333 1259524, o utilizza il form qui di seguito.

* indicates required field

Manifestazione NO-TRIV il 23 maggio a Lanciano (CH)

Continuare a bucherellare l’Adriatico, mare dai bassi fondali e dal delicato equilibrio già in parte compromesso, per tirare fuori quattro gocce di petrolio della peggiore qualità con tutti i costi e rischi collettivi connessi, NON sembra una grande idea… Se poi consideriamo che la grande recessione mondiale e i giochetti geopolitici per frenare Russia e Iran manterranno i prezzi petroliferi incredibilmente bassi per i prossimi anni, ci sarebbe anche da chiedersi quali aziende e perché possano essere interessate ad accaparrarsi concessioni per sfruttare piccoli giacimenti di petrolio costoso e di bassa qualità (forse perché in Italia son quasi a costo zero..?)!

E’ importante prendere coscienza dei danni che il Governo Renzi intende arrecare con l’ultimo decreto dal claim pubblicitario “Sblocca Italia”, che sottrae definitivamente la potestà autorizzativa alle Regioni ed “elude l’obiettivo posto dal Legislatore, cioè il Parlamento che ha inteso razionalizzare le attività petrolifere attraverso un piano, mentre il Governo, nell’attesa che esso venga adottato, stabilisce che nel frattempo chiunque lo desideri possa convertire i titoli minerari che già possiede, le richieste già avanzate e le nuove richieste in titoli concessori unici e in richieste per titoli concessori unici.
Così, quando il piano arriverà non si potrà far più nulla sull’esistente: ci sarà ben poco da vietare.
D’altra parte, se lo stesso Legislatore ha stabilito che, nelle more dell’approvazione del piano, debba applicarsi la “vecchia” normativa (e non lo “Sblocca Italia”) vuol dire che ha inteso implicitamente VIETARE che i “vecchi” titoli minerari possano essere convertiti in titoli concessori unici e che i procedimenti in corso possano concludersi con un titolo concessorio unico senza che sia prima approvato il piano” (Enzo Di Salvatore).

Il prossimo 23 maggio, in una data simbolica perché anniversario della strage del giudice Falcone e della scorta, si terrà a Lanciano una manifestazione no-triv contro la piattaforma “Ombrina Mare”.

Le adesioni sono sul sito di StopOmbrina. Diffondete e partecipate, per tenere il nostro mare e le nostre tasche al riparo dalla speculazione!